Federalismo e filosofia

Laboratorio Europeo

Il Laboratorio Europeo nasce a Varese nell’aprile 2016 nel contesto di una ferma convinzione federalista di un gruppo di cittadini di varia formazione culturale e provenienza professionale, sulla scia del pensiero federalista del filosofo Luigi Zanzi (1938-2015), già Presidente della sezione varesina del Movimento Federalista Europeo.

L’intento è quello di passare dalle riflessioni ai fatti, dalla elaborazione delle strategie alla concreta attivazione di nuove dinamiche capaci di appassionare e convincere i cittadini della improcrastinabile necessità della costituzione di una Confederazione Europea delle Regioni, al fine del superamento dell’attuale Unione di Stati Nazionali. Il laboratorio ha a questo scopo intrapreso l’attività di progettazione europea finalizzata a sviluppare partenariati con altre organizzazioni europee che condividono gli stessi scopi e a implementare dal basso le politiche dei programmi dell’Unione Europea coerenti con tali scopi.

La prima azione intrapresa è la costruzione di un partenariato europeo di organizzazioni che condividono la sfida della messa a fuoco delle ragioni dell’attuale euroscetticismo, allo scopo di convertirlo in una maggiore partecipazione democratica orientata alla costruzione di una nuova struttura politica federale europea. A tal fine è stato presentato nel marzo 2017 un Proposal sulla linea “partecipazione democratica” del Programma Europe for Citiziens.

Coordinamento Laboratorio Europeo Barbara Zanzi | mail barbarazanzi@yahoo.it

Il federalismo e la critica della ragion politica

Tra le iniziative della Fondazione per la promozione umana in Europa vi è la divulgazione del pensiero federalista di Luigi Zanzi, condiviso con Altiero Spinelli e Mario Albertini, rivolto soprattutto ai giovani, attraverso un esempio di militanza federalista, raccontato per mezzo di testimonianze e memorie. Ciò in vista di un “altro” futuro d’Europa e dell’umanità.

Le Alpi nella storia d'Europa


Le Alpi, una delle più singolari ed affascinanti formazioni della natura, ritrovano il loro ruolo protagonista nella riscoperta delle molteplici civiltà d’Europa, in una nuova prospettiva di “storia ambientale”. La riscoperta delle Alpi come un valore in natura di cui il popolo europeo deve prendersi cura.